Il baseball, questo strano sport…

Condividi

Ad un primo approccio il Baseball può apparire uno sport di difficile comprensione e con regole assai complesse. In realtà è un gioco semplice, giocato da due squadre di 9 giocatori ciascuna e diviso in fasi di attacco e di difesa.
Quando ciascuna delle due squadre ha completato un turno di attacco e un turno di difesa si dice che si è concluso un inning o ripresa. In una partita si disputano 9 baseball1“inning” senza limiti di tempo e in caso di parità sono previsti tanti inning supplementari quanti ne servono per dichiarare una delle due squadre vincente.
A turno ci saranno tutti i giocatori di una squadra nel ruolo di battitori che avranno lo scopo di fare più punti possibili e dall’altra i difensori schiereranno un lanciatore (il ruolo più importante), un ricevitore (che è accucciato dietro il piatto ed è il vero regista della squadra), 3 uomini che difendono i cuscini (prima, seconda e terza base), un uomo tra seconda e terza base (si chiama interbase), e 3 esterni.
Un punto si segna quando un attaccante (battitore) riesce a completare il giro delle basi e tornare a “casa base”.
La difesa deve cercare di eliminare 3 battitori per consentire alla squadra di passare in attacco. In linea di massima, l’eliminazione si ottiene rilanciando la palla verso il cuscino che il battitore (divenuto corridore) sta cercando di raggiungere prima che questo arrivi o prendendo la palla prima che tocchi terra (al volo). Un altro modo per eliminare il battitore è “al piatto”. Succede quando il lanciatore ottiene 3 “strike”, ovvero lancia la palla in una determinata zona (un solido immaginario che ha le dimensioni del “piatto” e un’altezza che va dalle ascelle alle ginocchia del battitore) o costringe il battitore a girare la mazza senza colpire la palla (swinging and miss). Se il battitore lascia passare 4 palline fuori dalla zona dello strike guadagna la prima base. Se il battitore non gira la mazza, è l’arbitro a decidere se il lancio è strike o “ball”.

Il campo di gioco è a forma di “diamante” suddiviso in un settore interno ed in uno esterno ; vi è un settore circolare al centro che misura 121,92m (400 piedi) che rappresenta la distanza tra il punto di convergenza delle linee (casa base) e la recinzione centrale del campo; ai lati le linee di foul di 97,53m (320 piedi) destra e sinistra. Alla destra ed alla sinistra dei lati paralleli del piatto vengono segnati con il gesso anche due rettangoli detti box del battitore. La prima, la seconda e la terza base sono sacchetti o cuscini quadrati di tela o plastica bianca di 38 cm (15 pollici) di lato, fissati saldamente al terreno.

 

Termini tecnici e regolamentari:
– Corsa: dopo una 65_Baseball03battuta valida il battitore deve raggiungere almeno la prima base. Su una base non può trovarsi più di un giocatore. Il ritorno ad una base è permesso ma non si può tornare alla zona di battuta.

– Gioco forzato: se il battitore riesce a colpire la palla deve correre sulla prima base. Se su quest’ultima si trova un corridore, quest’ultimo deve liberarla e correre su quella successiva. Quando il corridore è obbligato a correre perde ogni diritto sulla base che occupava sino a quel momento.
– Gioco non forzato: Se la prima base è libera e il corridore successivo si trova soltanto sulla seconda o terza base è lui che decide se rimanere o ricominciare a correre.
– Out: I difensori hanno il compito di impedire agli attaccanti di raggiungere indisturbati la casa base e dunque segnare punti per la loro squadra. Essi possono mettere “out” gli attaccanti impedendo loro di concludere il giro.
– Flyball: presa al volo della palla da parte della difesa.
– Ritoccare o retouch: In occasione di un flyball tutti coloro che si trovano fra due basi (quando la palla è in volo) devono tornare sulla base abbandonata prima di poter ripartire verso la base successiva al termine della presa.
– Home run (fuoricampo): Se un battitore riesce a mandare la palla dietro la linea del campo esterno, lui stesso e tutti gli altri corridori possono ritornare alla casa base senza essere eliminati dai difensori.